giovedì 15 ottobre 2009

Vi capita anche a voi di abbuffarvi?
A me si, spesso. Tutto nasce e si consuma in pochi istanti. Il tempo si ferma, la testa non ragiona più, le mie mani afferrano il cibo come fosse oro pregiato, da mandare giù, da ingurgitare il più velocemente possibile, quasi come se avessi paura che qualcuno lo rubi. E tutto di nascosto, quando in casa non c’è nessuno che possa vedermi.
In quel momento mi sento diversa dal solito, assente, un’estranea.
Vorrei che all’improvviso entrasse qualcuno dalla porta, impedendomi di continuare. E invece no, rimango io sola con il cibo, nessun altro, mangiando tutto ciò che mi trovo davanti.

Smetto solo quando il mio stomaco mi implora di finirla, è stracolmo.
E subito dopo rientro in me stessa, come se mi risvegliassi da un incubo, che però è realmente accaduto.
Mi assale il senso in colpa, vergognandomi di ciò che ho appena fatto, nella consapevolezza che ingrasserò di molti chili, in quanto non sono bulimica e quindi non lo vomiterò.
Penso che avrei potuto far passare il tempo magari leggendo un libro, farmi una doccia, telefonando a qualche amico..invece no, il cibo ha prevalso ancora una volta.
Mi sento uno schifo, la mia pancia si gonfia, sembro una donna incinta.

Non voglio uscire, non voglio far nulla, solo distendermi sul letto e pentirmi di ciò che ho appena fatto. La mia testa mi ripete che sono una stupida, che dovevo controllarmi, che sono una perdente.
Sembro una drogata che soffre di crisi di astinenza se non si abbuffa.
Vorrei imparare di nuovo a nutrirmi, a riscoprire il piacere dei sapori. Riuscire a gestire la quantità di cibo. Vorrei ritrovare la serenità di mangiare, senza pensare continuamente alle calorie. Vorrei riuscirmi a contenermi, perché basta anche solo un piccolo sgarro che mi porta all’abbuffata. Vorrei una volta per tutte scendere dalla giostra chiamata diguno-abbuffata.
Ed ora mi sento più motivata, anche perché so che voi mi capite e questo mi aiuta a non sentirmi sola e ancora di più male con me stessa. Forse insieme, possiamo riuscirci! Che ne dite?

17 commenti:

  1. quanto ti capisco...
    sappi che cmq non sei sola su questa terribile giostra, ci sono pure io...
    se ci diamo una mano forse insieme riusciremo a fermarla..
    ti abbraccio forte :*

    RispondiElimina
  2. Ciao! Mi dispiace per il tuo problema, è una cosa che capisco solo in parte perchè anche a me capita di mangiare qualcosa con premura in totale assenza di coscienza, ma non arrivo mai a riempire lo stomaco... è una cosa che nasce e si autolimita da sola, nel mio caso. Mi chiedevo una cosa, e spero di non essere inopportuna... mi chiedevo, se da questa giostra non riesci a scendere nel momento dell'abbuffata, hai provato a scendere nel momento del digiuno? Forse, se smetti con i digiuni smetterai anche con le abbuffata... hai mai provato a spezzare il cerchio?

    RispondiElimina
  3. Ciao ragazze! Grazie per essermi vicina!
    Rispondo ad Ariel: Sì, ho provato a smetterla con il digiuno..ma niente da fare, l'abbuffata è sempre lì dietro l'angolo.. Ho anche provato a seguire una dieta prescrittami da un dietologo, ma non mi è servita ad eliminare le abbuffate. La cosa che più non sopporto è il fatto che quando mi abbuffo non lo faccio perchè ho fame, ma tutto nasce dall'essere da sola in casa..il cibo sembra "chiamarmi" dalla cucina..ed io come una scema mi lascio attirare. Non ho la forza per fermarmi, e, come ho scritto sul post, mi estraneo da me stessa, come se fossi un'altra persona..Non so come spiegarlo..e se mi capite..
    Comunque mi sono prefissata di resistergli in tutti i modi..ad esempio preparandomi un thè caldo, facendo ginnastica in casa, leggendo..Tenendomi distratta insomma!
    Vi giuro che è difficilissimo per me non essere tentata dal cibo quando sono da sola in casa..è sempre lì nella mia testa :(

    RispondiElimina
  4. l'abbuffata è la onsolazione di un cuore solitario...

    te lo dico per esperienza

    RispondiElimina
  5. Questo post mi e' piaciuto un sacco nella parte finale...vorrei...vorrei...vorrei...significa che sei consapevole di non essere nel giusto.
    E la consapevolezza e' una buona base per la ricerca di un equilibrio...hai ragione, forse insieme possiamo riuscirci, a non autodistruggerci!
    Un bacio

    RispondiElimina
  6. minchia, sembra la mia autobiografia..
    ti giuro OGNI parola, OGNI, è IDENTICA a me..
    siamo uguali, anzi, ugualissime..
    e quindi ti capisco fin trp bene..sigh

    RispondiElimina
  7. Capita a tutte tesora ^^.
    Siamo Umane..possiamo sbagliare.
    Il cibo è diventato un nemico ormai, la nostra mente lo rifiuta.
    Ma è cosi affascinante.. alla fine, l'unico modo per liberarsi di una tentazione e cedervi..
    ma fino a che punto?

    Fatti forza.
    Anzi, ti dirò.. ho mangiato tantissimo anche io oggi.
    Sto ricominciando a camminare piano piano dopo i chili che ho rimesso.

    Quando hai fame, quando hai voglia del nostro nemico.. vai davanti a lui, prendilo e buttalo nel secchio.
    La soddisfazione che avrai è immensa.

    buona fortuna!!!

    un bacione!!

    ~Stella

    RispondiElimina
  8. come ti capisco io sto cercando di risolvere qusto prblema già da molto tempo....ma nn sono abbastanza forte.. sai mio padre mi ha dato anche della "drogata di cibo" ti rendi conto...?....provo ad avere un equilibrio ma nn ci riesco finisco sempre con un abbuffata non sempre con vomito....purtroppo ingrasso e dimagrisco di continuo....+ o meno i sintomi sono come i tuoi...il massimo che possiamo fare è confortarci a vicenda....non è facile resistere ad un abbuffata dobbiamo essere forti e motivate...ti abbraccio

    RispondiElimina
  9. Già, come tu capisco!Nemmeno io sono bulemia, non so perchè ma a vmitare non riesco, e appena l'altro ieri mi sono abbuffata e sta volta ho esagerato molto..Ti senti malissimo scoppiare, gonfia come un pallone vorresti solo vomitare o vorresti solo tornare in dietro nel tempo e sistemare tt . E le abbuffate xk accadono? xk non ho niente da fare, sono li sola e ho dvanti quel prelibato cibo pieno di caloriee, e inizio da qualkosa di piccolo ma vado avanti, ancora e ancora e ancora, finchè il mio stomaco è pieno quasi che non riesco più a camminare :( Anchio voglio ritrovare un equilibrio, Sì insieme ce la faremooo :D Buona fortuna, Bacioni saraaa .

    RispondiElimina
  10. Ciao!!!Ho letto il tuo post e anche io mi ritrovo in ogni parola che hai scritto, ogni sensazione, ogni pensiero...è tutto uguale!!!
    Io da 2 settimane sto mangiando regolare e senza abbuffate...Ogni esperienza è personale, ma posso dirti come ne sto uscendo...Intanto sto andando da una psicologa da dicembre...questo per dirti che il percorso di guarigione non è breve ne tantomeno facile...Io ancora non ne sono uscita ma sto nettamente migliorando!!!
    Quello che dice Ariel è verissimo: non devi avere paura delle abbuffate ma dei digiuni, perchè ad ogni digiuno corrisponde un'abbuffata!!!E' vero che anche se smetti di digiunare, non è che subito smetti di abbuffarti...il processo è lungo...ma da quello che leggo tu lo fai...Se prendi solo un caffè per pranzo o se elimini alcuni cibi come la pasta, i dolci o altre cose che pensi siano ingrassanti, non guarirari mai!!!Bisogna mangiare tutto e bene e soprattutto non pensarci sempre...Cercare di comportarsi come una persona normale, perchè se si mangia come una persona normale si finisce per dimagrire...inevitabilmente si dimagrisce!!!
    Comunque se ti va di parlare puoi passare da me...Non sto scrivendo da un pò perchè voglio provare a non concentrarmi troppo su questo problema, ma quando leggo post come i tuoi...mi sembrano i miei e vorrei solo poter dire qualcosa che possa essere utile!!!
    Ti abbraccio...

    RispondiElimina
  11. grazie 1000 per il tuo commento, e non sai come ti capisco. anche a me capitano delle abbuffate.. o meglio, ci sono delle volte in cui soffro non tanto per la fame, ma più che altro sento proprio il bisogno di mangiare, sento che non mi reggo in piedi.. e lì si inizia con un pezzo qualsiasi di qualcosa e poi giù a mangiare.. odio essere debole.
    però il giorno di abbuffata è sempre seguito dai giorni di digiuno.. quindi abbuffarsi spinge anche a fare sempre meglio! :-)
    grz Ana <3

    passerò qui presto, un bacione grande grande, tua Kelly

    RispondiElimina
  12. Se davvero lo vuoi, stai tranquilla che ce la farai: riuscirai a ritrovare l'equilibrio con te stessa e col tuo corpo. Certo, ci vuole tempo e pazienza, ma ci riuscirai... Non importi obiettivi troppo ambiziosi e cerca di stare tranquilla, fatti dare una mano se senti che ne hai bisogno, e soprattutto non arrenderti anche se ti ricapitasse: ogni errore è un modo per imparare qualcosa e per non ripeterlo in futuro... Dai che ce la puoi fare!

    RispondiElimina
  13. Mi sono commossa a leggere le tue parole perchè è l'esatta sensazione che provo io..Mi consolo solo sapendo che non sono l'unica..Ti sono vicina e spero riuscirai veramente ad uscirne come lo spero anche per me..Ormai sono anni che convivo con questa cosa ed è terribile perchè ogni volta che mi abbuffo mi annullo completamente..non esco..non voglio vedere nessuno e non ho voglia di fare niente proprio come hai detto tu... Vorrei solo poter prendere in mano la mia vita e controllarla perchè così mi stò davvero rovinando l'esistenza!

    RispondiElimina
  14. Mangiare gomma da masticare aiuta a cacciare la fame

    RispondiElimina