domenica 11 ottobre 2009

Perchè non ci capiscono?

Ciao! Sono le 10 di mattina e sono qui chiusa nel mio guscio, la mia camera, con il sottofondo di un cd, ovviamente rock. Stamattina ho fatto colazione, se così si può chiamare, con un caffè lungo e due cucchiaini di zucchero, immancabili. Totale: 40 kcal.
Oggi è domenica, e come tutte le domeniche le mie nonne vengono a farmi visita per pranzo. Io tutte le volte cerco di salutarle e poi uscire di casa dicendo che mangio fuori. Oggi no, non posso. Alle 2 devo uscire con mia sorella e quindi mi tocca rimanere a casa. Userò i miei trucchetti come al solito: parlare molto e intanto giocherellare con il cibo, facendo finta di inghiottirlo, ponendolo ai lati del piatto con l’illusione di averne mangiato un bel po’.. per poi alzarmi facendo l’indifferente e buttarlo tutto nella pattumiera.
Son contenta: la pancia mi si è sgonfiata (finalmente!). I chili rimangono 65, ma non demordo. Continuo per la mia strada, e sono convinta che anche quelli diminuiranno fino ad arrivare ai tanti attesi 57. E dopo chissà, magari posso continuare. Il limite che mi prefiggo è 52, il peso di quando due anni fa facevo la modella e i concorsi di bellezza, di quando mi sentivo bene col mio corpo ed ero entusiasta della mia magrezza, di quando tutti attorno a me mi rompevano dicendomi di essere troppo magra…ahii, se ricordo le figuracce che mi faceva fare la mia prof di ginnastica a scuola: nelle sue ore lei mi prendeva da parte facendomi mille domande sul perché ero tanto magra, e non era l’unica ad assillarmi. Chissà perché quando si è tanto magri chi ci sta attorno ci perseguita con mille domande, ci guarda come se fossimo degli alieni, ci osserva, ci giudica. Perché non ci lasciano in pace? Io sono dell’idea che ognuno deve vivere la propria vita come cavolo gli pare, ognuno è il giudice, il comandante, colui che decide come vivere. E invece no, nessuno si fa i fatti propri, e anzi, ti fanno sentire in colpa della tua magrezza. Ma in colpa di cosa? Chi è magro deve essere solo che felice e fiero di se stesso! Loro non sanno i tanti sacrifici che tutte noi siamo costrette ad affrontare, a tutte le scuse, le bugie che ci dobbiamo inventare per non mangiare. Ci vuole forza per dimagrire, ci vuole controllo, ci vuole testa. Perché non lo capiscono? Invece di sostenerci, si mettono contro di noi. Non è giusto.

5 commenti:

  1. No, la vera forza e controllo sono quelli di una persona malata che decide di guarire, prendere la strada del ricovero e riuscire finalmente ad accettare il proprio corpo. La vera forza non è dire di no davanti a un dolce a un pasto decente. Questa è solo debolezza. Fuggire dalla vita e dalle proprie responsabilità, per rifugiarsi in un mondo fatto di vuoto, nulla. Solo numeri, bilance, misure.

    Giulia

    RispondiElimina
  2. Grazie della visita, accolgo volentieri il tuo invito e leggo cio' che hai scritto;io sono magrissima, ma non sono ne' felice ne' tantomeno fiera di me stessa.
    Pensavo di possedere un grandissimo autocontrollo per essere riuscita a dominare le crisi bulimiche, invece qui dentro qualcuno mi ha fatto riflettere, convincendomi che nel momento in cui la mia vita ruota attorno alla bilancia e al conteggio al millesimo delle calorie introdotte e consumate, significa che l'autocontrollo e' andato a farsi benedire da un pezzo.
    La vera forza, ha ragione l'anonima non tanto anonima Giulia, sta nel chiedere aiuto per riuscire ad accettarsi come si e'.
    Per me e' difficilissimo; io non ho mai frequentato il mondo della moda, eppure per me l'apparenza ha sempre contato parecchio.
    A discapito di come sono dentro, della vera me stessa.
    E ora mi ritrovo esile, quasi impalpabile, e infelice uguale a prima...
    Ma la trovero' quella forza, necessaria a rinascere, serena anche in un corpo imperfetto.
    Perche' la perfezione non esiste...
    Un bacione e buona domenica con tua sorella

    RispondiElimina
  3. Rispondo a Giulia: sono d’accordo con te quando dici che la vera forza sta nell’accettare il proprio corpo.. Io in questo momento non lo accetto.. è troppo grasso. Lo accetterò quando finalmente dimagrirò.
    Per evaluna: spero che tu ritrova la serenità perduta e sentirti bene con te stessa!
    Baci!!

    RispondiElimina
  4. grazie dell'invito ;)

    cmq si la gente spesso giudica ma mica devi dare retta a persone che ti rompono le scatole..........cmq sia io comprendo ke nn sia una cosa bella ma ancora tutta questa gente ke commente in modo negativo la nostra strada dovrebbe farsi una manica di cazzi suoi.......

    RispondiElimina
  5. Se e' rivolta a me ho solo risposto ad un invito ed ho espresso il mio parere sulla base della mia esperienza; cosa devo giudicare, ci sto anch'io dentro fino al collo!

    RispondiElimina